Fragile, ma libero

di Francesco Panaro



Fragile ma libero. Pierluigi Cappello è un poeta italiano, anzi, friulano. E' nato a Gemona nel 1967 e risiede a Tricesimo.
Con  Mandate a dire all’imperatore ha vinto il premio Viareggio-Répaci del 2010.





«…Esiste una parola da noi, in Friuli, e questa parola è “salustri”…, indica esattamente quel lembo di cielo che si apre, azzurrissimo, saturo di umidità, tra due tempeste. Una tempesta è appena deposta e l’altra sta in questo silenzio azzurro, in questo cristallo azzurro sta prendendo fiato per…».


http://www.youtube.com/watch?v=WLvAaivfiiY///


Per le condizioni economiche e di salute precarie Pierluigi potrebbe beneficiare della legge Bacchelli, la quale  prevede un vitalizio per quei cittadini che si sono distinti nel mondo della cultura, dell’arte, dello spettacolo e dello sport. Lo scrittore Riccardo Bacchelli (Il mulino del Po ecc.), fu il primo ad usufruire dell’assegno. La legge che porta il suo nome, 440 dell’8 agosto del 1985, fu possibile grazie al grande contributo di solidarietà e di mobilitazione  di figure della cultura italiana ed europea intorno allo scrittore.