La rivoluzione non miagola

di Francesco Panaro


«un miagolio è solo un miagolio, ma più miagolii fanno un ruggito».
La gatta di Lenin











Quando conobbi Lenin più a fondo, scoprii una sua qualità che non appare subito: la sua stupefacente vitalità. Lo spirito di Lenin ribolle, scintilla di vita. Oggi, mentre scrivo queste righe, Lenin ha già cinquant'anni, eppure è ancora un uomo giovane, con un ritmo di vita giovanile.

Com'è contagiosa la sua ri­sata, affascinante, spontanea come quella di un bam­bino! È cosi facile divertire Lenin! Lui si abbandona volentieri al riso, che è l'espressione del trionfo del­l'uomo sulle avversità. Anche quando mi sono trovato con lui in momenti molto difficili, l'ho sempre visto sereno e pronto a scoppiare nella sua allegra risata abi­tuale. Perfino la sua collera è stranamente affettuosa.

Oggi la riprovazione di Lenin potrebbe distruggere doz­zine, forse centinaia di persone:  eppure egli modera sempre la sua irritazione esprimendola in modo quasi scherzoso. La sua collera è come un temporale, «che quasi per gioco, scherzando, tuoni in un cielo azzurro» [verso di Tjutcev, n.d.r.].

Ho osservato che spesso l'apparente concitazione, le pa­role irose, le frecciate d'ironia velenosa, in lui sono ac­compagnate da un guizzo d'allegria in fondo allo sguardo. Da un momento all'altro Lenin può metter fine alla sfu­riata che ha montato soltanto perché serviva a un suo scopo. La sua disposizione d'animo rimane non soltanto serena, ma addirittura allegra.

Anche nella vita privata, Lenin ama tutte le forme di svago senza pretese, dirette, semplici e rumorose. I suoi compagni di gioco preferiti sono i bambini e i gatti; talvolta rimane ore e ore di seguito a giocare con loro.
Sul lavoro Lenin rivela le stesse qualità del suo spirito sano e vitale. La mia esperienza personale non mi consente di affermare che Lenin sia un lavoratore accanito.

Non l'ho mai visto immerso nella lettura di un libro o curvo sulla scrivania. Lenin scrive i suoi articoli senza il minimo sforzo, di getto, senza bisogno di correzioni. Può scrivere in ogni momento della giornata: più spesso lo fa al mattino appena si alza, ma scrive altrettanto bene di sera, alla fine di una giornata spossante, o in qualsiasi altro mo­mento. (1923)
Anatolij Vasilevic Lunacarskij, Profili di rivoluzionari