Jazz, rifugio di incapaci

di Francesco Panaro Matarrese

Fotomontaggio, Adorno ascolta musica

Fotomontaggio, Adorno ascolta musica




«Il jazz è l’ultimo rifugio di chi non ha talento».

Tony Wilson in 24 hour party people



«Le cosiddette improvvisazioni [nel jazz] si riducono a perifrasi delle formule fondamentali e lo schema riappare ad ogni tratto sotto il loro velo. Anche le improvvisazioni sono in gran parte regolamentate e si ripetono sempre. Tutto quel che può succedere nel jazz si aggira entro limiti così stretti come i tagli particolari dei vestiti».

Theodor Adorno, Moda senza tempo. Sul jazz in Prismi


***

«Perché frequentare Platone, quando un sassofono può farci intravedere altrettanto bene un altro mondo?»

Emil Cioran, Sillogismi dell'amarezza