uncommons

philosofilm



Disney, disegnare cartoon è lavoro per uomini



di Francesco Panaro

Walt Disney e Topolino

Walt Disney e Topolino







Negli anni d’oro del cinema d’animazione statunitense le donne non erano viste di buon occhio nel processo creativo della produzione. Qui di seguito la lettera di risposta della Walt Disney Productions a Miss Mary V. Ford. La giovanissima Mary aveva chiesto come e cosa fare per essere accettata dalla scuola di formazione di Walt Disney per iniziare così a lavorare come creativa alla produzione dei cartoons. La risposta della Disney, datata giugno 1938, fu chiara: quella è un’attività riservata agli uomini. Alle donne, tutt’al più, è permesso fare lavoro di routine, pratico, di ricopiatura.

Come si può vedere, ironia della sorte, l’illustrazione della carta intestata della risposta sembra custodire il significato della politica sessista della Walt Disney, Biancaneve e i sette nani. Non solo, la lettera è firmata da Mary Cleane, una donna che chiarisce le regole sessiste della compagnia per cui lavora ad un’altra donna in cerca di primo lavoro. Ma se la Disney e tutte le altre aziende produttrici di cartoni animati non accettavano donne creative, la Max Fleischer Studio – Braccio di Ferro è stata una sua produzione di successo planetario – era un’eccezione. Già nel 1933 aveva assunto la ventiduenne Lillian Friedman, l’unica disegnatrice creativa di cartoon degli Stati Uniti. L’unica donna fra i ventinove maschi creativi del Max Fleischer Studio.

 
 
June 7, 1938
Miss Mary V. Ford
Searcy,
Arkansas
 
Cara Miss Ford:
 
la sua recente lettera è stata ricevuta dal dipartimento Inking and Painting per la risposta.
 
Le donne non possono fare nessun lavoro creativo relativo alla preparazione dei cartoni animati per lo schermo, perché quel lavoro è svolto interamente da giovani uomini. Per questo motivo le ragazze non vengono considerate per la scuola di formazione.
 
L'unica attività permessa alle donne è quella di tracciare i personaggi sui fogli trasparenti di celluloide con inchiostro di china e riempire i ricalchi  sul lato opposto secondo le indicazioni fornite.
 
Al fine di fare domanda per una posizione come "Inker" o "Painter" è necessario che la richiedente venga allo Studio, portando campioni eseguiti a penna e inchiostro e lavori ad acquarelli. Non sarebbe consigliabile venire a Hollywood in vista di quanto sopra specificatamente detto dal momento checi sono davvero pochissimi posti disponibili a fronte di un alto numero di ragazze che fanno domanda.
 
Cordialmente,
 
WALT DISNEY PRODUCTIONS, LTD.
Da:
Mary Cleane



la lettera della Walt Disney

















Un articolo sul Max Fleischer Studio


























Parole chiave: francesco panaro walt disney mary v. ford sessismo cartoon

COMMENTI

condividi

Feed

   

archivio

accedi


Se non l'hai ancora fatto, registrati!
Hai per caso dimenticato la password?
benvenuto   Puoi accedere o registrarti.

gli ultimi articoli in philosofilm

rubriche

ultimi commenti

gli ultimi articoli pubblicati

i più letti

tag cloud

CHI E' UNCOMMONS Uncommons è © 2019 proprietà riservata Tramas Web