uncommons

stories



L'occhio è quasi dio



di Francesco Panaro Matarrese

Foto di Gina Tondo

Foto di Gina Tondo



«Non vi è nulla di più potente dell'occhio, più veloce, più degno, [...] primo tra le membra, e re e quasi dio».
Leon Battista Alberti
 

L’occhio è quasi dio, e non dio. Il pittore riproduce la realtà con la prospettiva (che non esiste in natura). È il pittore e non il filosofo che sa osservare la realtà che sta dietro le varie maschere e le fictiones. L’occhio alato del pittore, forse ancor più dell’architectus, meglio di ogni altro, capta ciò che accade nel mondo. Per Alberti il vero pittore sarà solo quel philosophus che riesca a vedere, senza indulgere a impossibili domande ultramondane, ciò che si può fissare con gli occhi.
[Sintesi da De pictura: considerazioni generali sulla professione dell'artista, uno dei momenti in cui si prefigura una nuova immagine dell'artista inteso come intellettuale].





Parole chiave: francesco panaro matarrese de pictura pittura filosofia leon battista alberti

COMMENTI

Sono presenti 2 commenti per questo articolo

Claudio Tricoli
Wittgenstein invita il filosofo a guardare piuttosto che pensare
il 27 Ottobre 2013

Francesco Panaro
E qui, Claudio, si aprirebbe una discussione su come "pensano" (se pensano) i pittori e come "guardano" (se guardano) i filosofi. :--)
il 28 Ottobre 2013

Nome (*richiesto)

Email (*richiesta, non sarà pubblicata)


Attenzione! E' possibile inserire commenti di massimo 500 parole.


Registrati al sito, è gratuito e istantaneo!

condividi

Feed

   

archivio

accedi


Se non l'hai ancora fatto, registrati!
Hai per caso dimenticato la password?
benvenuto   Puoi accedere o registrarti.

gli ultimi articoli in stories

rubriche

ultimi commenti

gli ultimi articoli pubblicati

i più letti

tag cloud

CHI E' UNCOMMONS Uncommons è © 2019 proprietà riservata Tramas Web