uncommons

stories



Quel ponte fra Hegel e Schopenhauer



di Francesco Panaro Matarrese

Ponte della Cintura di Giada, lago Kunming, Cina

Ponte della Cintura di Giada, lago Kunming, Cina




Con Mario [Carpitella] ho avuto una frequentazione non intensissima, ma molto profonda. […] Ricordo che mi accompagnava a mangiare da qualche parte, nei paraggi della sua abitazione, e poi quando rientravamo a casa, passava davanti agli scaffali di una libreria: si era comprato tutta l’edizione di Hegel in quei volumi grandi, in ottavo, di Glockner, e lungo un corridoio erano schierati da una parte Hegel e dall’altro Schopenhauer; percorrevamo inevitabilmente quel corridoio, e nel passare davanti a Hegel, Mario si girava dall’altra parte. Dicevo: “Scusa, ma allora perché te li sei comprati?”. “Ma, sai, è un esercizio, come dire, di ascesi; in realtà il mio grande amore sta di qua”; ed era Schopenhauer.
Franco Volpi, Il valore della traduzione, In ricordo di Mario Carpitella




Parole chiave: francesco panaro matarrese mario carpitella hegel schopenhauer franco volpi

COMMENTI

Sono presenti 2 commenti per questo articolo

Claudio (utente non registrato)
in ricordo di Franco Volpi.
il 15 Settembre 2013

Sandra Di Pietro
noi che i filosofi ci paiono fratelli vivi e viviamo dei loro conflitti e dei loro amori
il 24 Settembre 2013

Nome (*richiesto)

Email (*richiesta, non sarà pubblicata)


Attenzione! E' possibile inserire commenti di massimo 500 parole.


Registrati al sito, è gratuito e istantaneo!

condividi

Feed

   

archivio

accedi


Se non l'hai ancora fatto, registrati!
Hai per caso dimenticato la password?
benvenuto   Puoi accedere o registrarti.

gli ultimi articoli in stories

rubriche

ultimi commenti

gli ultimi articoli pubblicati

i più letti

tag cloud

CHI E' UNCOMMONS Uncommons è © 2018 proprietà riservata Tramas Web