uncommons

village



Generazione a nudo



di Francesco Panaro Matarrese

Janis Joplin

Janis Joplin








Il 4 ottobre del 1970 la soave voce rauca del rock smetteva di graffiare. Aveva 27 anni. E Janis Joplin non era più tale. In quella fuga in avanti nella vita l’aveva preceduta per lo stesso motivo di pochi giorni – il 18 settembre – un altro  incendiario della musica, Jimi Hendrix. La realtà che passava nella sua stramba scatola tritatutto – la chitarra elettrica Fender Stratocaster sunburst – veniva riplasmata e mostrata candida e drammatica, e s’imponeva prepotente.
 
Lo stesso modulo di filtro in amplificazione e distorsione del suono e del reale lo utilizzava Janis con la sua voce, riusciva a inventare  nuance con una voce che non poteva averne, con fughe forti, fortissime e tristi… Due strumenti formidabili, quasi uguali nell’uso, una voce dolcemente disperata ed una chitarra elettrica terribilmente umana in distorsione.
 
Questi due musicisti non sarebbero stati soli, come tanti altri di quegli anni. Di lì a pochi mesi, quarant’anni fa, il 3 luglio del 1971, scivolava silenzioso Jim Morrison,  poeta maledetto dei Doors. Anche questa è un’altra storia. Uguale a tante altre e così diversa da tutte. Come quella di Janis e di Jimi.
 
E di tante ragazze e ragazzi sconosciuti, catturati dall’establishment (come veniva chiamato in quegli anni, ossia l’insieme di chi deteneva il potere economico, sociale e culturale) con una rete malvagia, l’eroina. Fra tutti i metodi inventati dal  sistema – borghese di destra? di centro? di sinistra? fate voi – l’invenzione dell’eroina per sconfiggere una cultura, un sogno giusto o sbagliato, è stato quello più vigliacco, più orribile.
 
In quel periodo, iniziato alla fine degli anni Cinquanta, fu combattuta una guerra silenziosa, di cui non si è mai parlato come tale. È stato così che quelli che volevano cambiare il mondo, quelli che credevano nella non violenza e nel disarmo furono eliminati o piegati. Quelli che pensavano che potesse esistere un altro tipo di famiglia umana furono narcotizzati e abbattuti. E nessuno ha mai reclamato giustizia.
 
Mentre le  menti migliori del rock mondiale venivano disinnescate con l’eroina, l’industria musicale degli anni Sessanta e Settanta inventava cantanti e gruppi di musica leggera che fingevano un modo di essere. Era un divertimento all’epoca per i discografici copiare e, contemporaneamente, spogliare, svuotare la musica della carica sovversiva. E l’industria musicale italiana era molto abile a mettere sul mercato quel tipo di finzioni, aiutata dalla nascente industria della moda, dalla televisione e dal cinema.
 
Jimi Hendrix ci credeva: «un giorno anche la guerra s’inchinerà al suono di una chitarra». Ma né lui, né Janis Joplin lo hanno visto, nessuno ha potuto, perché il mondo è stato riportato sulla vecchia strada molto in fretta. Quella dalla quale nessuno è mai uscito vivo.
 
Citazioni, Jimi Hendrix
- La luce che brilla il doppio dura la metà
- Se sono libero è perché sono sempre in fuga
- Sono stato imitato così bene che ho sentito persone che copiavano i miei errori
- La conoscenza parla, ma la saggezza ascolta
- Tecnicamente non sono un chitarrista, tutto quello che suono è verità ed emozione.
- Hendrix salì sul palco con la chitarra e disse: Se Eric Clapton è fra il pubblico, potrebbe farmi il favore di salire sul palco e accordare questo aggeggio?
- Prima di andare in scena, il mio road manager mi disse: "Jimi, brutto cafone cencioso, non vorrai mica andare in scena così, no?" io gli risposi: "Appena finisco la sigaretta il vestito sarà perfetto". Io mi piaccio così, mi trovo a mio agio così.
- Dimenticate ciò che è successo ieri e domani, e oggi. Stasera creeremo un mondo completamente nuovo.
 
Citazioni di Janis Joplin
- Sul palco faccio l'amore con venticinquemila persone, poi torno a casa da sola.
- Puoi distruggere il tuo presente preoccupandoti del tuo domani.
- Alcuni artisti hanno un modo di vivere e un modo di fare arte, per me ne esiste uno solo.
- Non venderti: sei tutto ciò che hai.
 
Clicca per ascoltare
Jimi Hendrix, documentario del 1973 ed esecuzione di The star-spangled banner



Janis Joplin, Summertime


Parole chiave: francesco panaro matarrese janis joplin jimi hendrix rock

COMMENTI

Sono presenti 2 commenti per questo articolo

Patrizia Barbera
Sì,mi sono chiesta mille volte perchè una generazione,tutta una generazione,"famosi" e sconosciuti allo stesso modo,così ricca di sensibilità, fantasia, voglia di vivere,capacità di critica corrosiva ,slancio sociale,sia stata così crudelmente massacrata.Perchè un massacro è stata quella guerra silenziosa e sleale,combattuta e persa, usata per criminalizzare le vittime e coprirle di un marchio di infamia.Avvilito e denigrato quel pezzo di Novecento, triturate le sue icone..ne hanno fatto miti. 
Janis Joplin tenerissima e fragile ribelle...
il 18 Settembre 2011

Roberta Aquilini
Una generazione che si mette a nudo è una generazione scomoda perchè è vera, libera e la verità il liberarsi dalle catene fà paura a tutti, ma in particolare a chi vuole controlare le menti e le anime.
il 20 Settembre 2011

condividi

Feed

   

archivio

accedi


Se non l'hai ancora fatto, registrati!
Hai per caso dimenticato la password?
benvenuto   Puoi accedere o registrarti.

gli ultimi articoli in village

rubriche

ultimi commenti

gli ultimi articoli pubblicati

i più letti

tag cloud

CHI E' UNCOMMONS Uncommons è © 2019 proprietà riservata Tramas Web