uncommons

village



L'intelligenza dei carciofi



di Personalità Confusa

 2.000.010 dopo Cristo
Sorpresa, il mondo inspiegabilmente risulta abitato soltanto da piante di carciofi. Tutte le specie animali sono scomparse e l'uomo, dopo la lotta contro l'irresistibile diffondersi dei carciofi, s'è estinto. Ci fu un tempo per i dinosauri, uno per l'umanità, ora è il turno del carciofo. In maniera del tutto inaspettata egli ha preso il sopravvento e domina il pianeta. Non c'è più spazio per nessun altro: l'acqua e l'aria vengono esaurite da centoventi ziliardi di piante di carciofo, le superfici di Africa Asia Europa e Americhe ne sono ricoperte.

15.000.010 d.C.
I carciofi, signori indiscussi del globo, si sono evoluti: ora pensano. Compiono ragionamenti complessi e li elaborano per ore, mesi. Millenni. Hanno concepito daccapo l'algebra, l'astronomia e la filosofia teoretica, benché alla loro maniera, e oggi i carciofi rappresentano di certo la civiltà più avanzata mai esistita sulla Terra. Risultano adesso assai più intelligenti di quanto lo siano stato gli umani a loro apogeo, e si badi: diversamente da costoro i carciofi non possono (o meglio, non desiderano) imparare ad esprimersi verbalmente, né a deambulare o impugnare oggetti, accendere il fuoco, zapparsi il suolo, innaffiarsi, costruire città, vestirsi, guidare l'automobile, mandare email, eccetera. L'essere più progredito della Storia è una verdura, e non combina nulla di pratico tranne star lì fermo immobile a farsi i cazzi suoi e a prender pioggia, assorto in profondissime meditazioni. Gli va bene così: di tutto il resto non gliene frega un accidente.
La straordinaria capacità mentale dei carciofi ha permesso loro di conquistare il mondo adattandosi ai climi e alle condizioni più diverse: non solo il ghiaccio dei poli e il Sahara appaiono rivestiti da immense distese di carciofi ma persino i fondali marini ne sono infestati.

4 miliardi di anni d.C.
Per la prima volta da sempre la navicella con a bordo un esploratore alieno raggiunge la Terra: avvenimento memorabile, si dirà. Tuttavia i carciofi ignorano in modo plateale il visitatore. Anzi senza neppure muoversi lo feriscono con le spine così da obbligarlo a tornarsene a casa sua.
In tutta calma e senza paura questi ortaggi imprevisti trionfatori finali della guerra dell'evoluzione si preparano ad assistere allo spegnimento del Sole. (http://personalitaconfusa.splinder.com)


Parole chiave: evoluzione filosofia

COMMENTI

Sono presenti 6 commenti per questo articolo

Mcbett (utente non registrato)
qui il carciofo é inteso solo come fiore decorativo e quand vedoo quelli come ni che se li mangiano si pongono delle domande sul senso della vita...
il 21 Aprile 2011

Elena (utente non registrato)
E perchè non le rose? Con le loro spine farebbero agli alieni lo stesso effetto dei carciofi e sarebbero molto più belle....
il 22 Aprile 2011

Guido Repetto
Un bel quadro, non c’è che dire. Tuttavia la realtà è un po’ più complessa e credo sia ormai giunto il momento di fare chiarezza. La breve cronaca che segue è direttamente tratta dai dispacci dell’agenzia XXX Cronos che, com’è noto, diffonde con puntualità e obiettività le notizie provenienti dal tempo.
4 miliardi di anni e una manciata di secondi fa
Dell’esploratore alieno restava appena una traccia, come un bagliore sempre più tenue nella sera tornata tranquilla dei carciofi. Ma qualche capolino, appena agitato dalla brezza serale dello Jonio, parve protendersi in alto, quasi a spingersi in un inutile quanto tardivo ripensamento. Una lunga scia solcava, scompaginava l’ossessivo ed eterno ordine casuale della natura; l’immensa distesa vibrava, fremeva, pareva proprio reagire al calpestio frenetico del fuggiasco e a quel lascito organico, a quelle gocce da sempre pensate e mai conosciute davvero. L’immenso dispensario concettuale dei carciofi prese a vacillare, perché la differenza e il rapporto con la differenza concepiti intellettualmente non valsero a nulla di fronte alla vera differenza e al vero rapporto con l’altro.  Si pensò d’isolare le brattee contaminate, certo lo si pensò, ma ovviamente non lo si poté fare; miliardi e miliardi di intellettuonvolts vennero riversati in direzione dei contaminati, ma non vi fu nessun miglioramento, anzi più cresceva lo sforzo mentale difensivo contro la diversità quanto più il concetto di rapporto vero con la vera diversità si riorganizzava con inquietante rapidità. L’impulso neuro vegetale si propagò alla velocità della luce e fu il panico su tutto il pianeta, perché l’altro, il diverso, esisteva davvero, esisteva ancora ed era pure tornato.
                                                                                                                        [continua?]
il 22 Aprile 2011

Camomilla (utente non registrato)
Carciofi....umani, no??? E' triste, addirittura aspettano lo spegnimento del sole, terribile. Voglio leggere cose meno catastrofiche , anche se poi,ognuno e' libero di interpretare ogni cosa a modo suo.
il 26 Aprile 2011

Marco (utente non registrato)
Un racconto divertente e molto serio allo stesso tempo. Grazie
il 27 Aprile 2011

Cassandra00 (utente non registrato)
temo di essere già un carciofo...... sempre fuori tempo io!!
il 28 Aprile 2011

condividi

Feed

   

archivio

accedi


Se non l'hai ancora fatto, registrati!
Hai per caso dimenticato la password?
benvenuto   Puoi accedere o registrarti.

gli ultimi articoli in village

rubriche

ultimi commenti

gli ultimi articoli pubblicati

i più letti

tag cloud

CHI E' UNCOMMONS Uncommons è © 2019 proprietà riservata Tramas Web