uncommons

village

1.579 views


L’industria dell’Olocausto




«La campagna in corso dell’industria dell’Olocausto per estorcere denaro all’Europa in nome delle ‘vittime bisognose dell’Olocausto’ ha ridotto la statura morale del loro  martirio a quella di un casinò di Montecarlo».




Leggi anche:  Ognuno è ebreo di qualcuno


Due sono i temi centrali de L’industria dell’Olocausto. Innanzitutto, la responsabilità dei tedeschi e dei soli tedeschi di fare i conti con il loro  passato. Ne  La  catastrofe tedesca Friedrich Meinecke osserva che, sebbene la malvagità non fosse solo  della Germania nazista, perché l’“elemento amorale” che ne era al centro  aveva contagiato l’intera civiltà occidentale, “questa verità non dovrebbe essere una giustificazione per noi tedeschi. Considerazioni etiche e storiche impongono a noi tedeschi di occuparci dei nostri problemi, e capire il ruolo  particolare della Germania nella questione”. Vale anche il contrario: considerazioni etiche e storiche richiedono che, ad esempio, gli Stati Uniti si occupino dei loro problemi. Invece, mentre sono fin troppo disposti a sovrintendere ai conti della Germania con il proprio passato, gli americani non solo non fanno lo stesso con il loro, ma, peggio, non riescono  a concepire una responsabilità paragonabile. Nel suo  discorso  di conclusione dei negoziati sul lavoro  nei campi di concentramento tedeschi, il Segretario  di Stato Madeleine Albright spiegava che era “negli interessi di politica estera degli Stati Uniti fare passi per affrontare le conseguenze dell’era nazista, apprendere le lezioni di questo capitolo buio della storia
della Germania e insegnarle al mondo, così da cercare di assicurare che non accada mai più.” In effetti, sarebbe anche negli “interessi di politica estera” della maggior parte dell’umanità se gli USA esaminassero i “capitoli bui” del loro passato. Mentre i tedeschi combattono quotidianamente con i loro crimini storici, gli americani devono ancora addirittura riconoscere la maggior parte dei loro. Nei discorsi americani dominanti sul Vietnam, la sola domanda che viene fuori è: quand’è che i vietnamiti riconosceranno  quello  che ci hanno fatto? Ovvero, noi americani siamo  al livello
morale del discorso di Himmler a Posen.
 
La seconda tesi centrale de L’industria dell’Olocausto è che le élites ebraiche americane sfruttano l’olocausto  nazista per vantaggi politici e finanziari. Ne La  questione della colpa  tedesca, Karl Jaspers ha sostenuto  che la “messa in  stato  di accusa” della Germania “non  è più un’incriminazione” se essa diventa “un’arma  usata per altri scopi, politici, economici” (corsivo nell’originale). Benché i tedeschi abbiano chiaramente il dovere di confrontarsi con gli orrori del
nazismo, essi hanno anche il diritto di opporsi allo sfruttamento di questi crimini.
 
Ne L’industria  dell’Olocausto, scrivo  di come diverse organizzazioni, istituzioni e personalità ebraiche americane hanno strumentalizzato l’olocausto nazista per proteggere Israele dalle critiche e, più  recentemente, per ricattare l’Europa. La critica principale rivolta al libro  non  è stata che avevo presentato i fatti in modo inesatto, ma che, nel descrivere questa impresa coordinata avevo inventato  una “teoria della complotto”. Ne La ricchezza  delle nazioni Adam Smith  osserva che i capitalisti “si incontrano di rado, anche per festeggiare e divertirsi, ma la conversazione finisce in un complotto contro il pubblico, o in qualche trovata per aumentare i prezzi” Anche questo fa del classico di Smith una “teoria della complotto”?

 Pagina
di 10
Pagina successiva >>>
Parole chiave: olocausto israele ebrei america europa

COMMENTI

condividi

Feed

   

archivio

accedi


Se non l'hai ancora fatto, registrati!
Hai per caso dimenticato la password?
benvenuto   Puoi accedere o registrarti.

gli ultimi articoli in village

rubriche

ultimi commenti

gli ultimi articoli pubblicati

i più letti

tag cloud

CHI E' UNCOMMONS Uncommons è © 2014 proprietà riservata Tramas Web