uncommons

village



Lo scenario mobile di Hong Kong



di Michele Marsonet





Ci sono dei posti sparsi per il mondo in cui uno prova la sensazione di ricorrente smarrimento, nel senso che non capisce bene dove si trova. Volti e lingua appartengono chiaramente a un certo Paese, mentre cultura e comportamenti indicano che il riferimento storico e geografico è un altro, del tutto diverso dal primo.
 
Hong Kong è, in questo senso, un caso emblematico. La vecchia colonia britannica, restituita alla Cina nel 1997 in base agli accordi stipulati nel 1898 tra il Regno Unito e l’allora Impero cinese, rifiuta con una tenacia che rasenta la temerarietà di farsi assimilare. Gli abitanti, appena 7 milioni a fronte del miliardo e 300 milioni della Repubblica Popolare, non chiamano mai la Cina col suo nome, preferendo piuttosto riferirsi a essa con la parola Mainland.
 
Non si tratta di una semplice questione terminologica, poiché i motivi di un tale slittamento semantico sono in realtà profondi. I cinesi di Hong Kong – che parlano cantonese e non mandarino – non si sentono cinesi più di tanto, pur riconoscendo i legami storici con il colosso asiatico.
 
La secolare presenza inglese, come del resto è accaduto a Gibilterra, Malta e in molti altri luoghi, ha modificato profondamente la visione della vita e le abitudini quotidiane non solo della élite politica e culturale, ma anche della gente comune. Ne consegue che un cinese di Hong Kong, quando deve trattare con un cinese che proviene dal “continente”, assume un atteggiamento di diffidenza che non riesce proprio a dissimulare.
 
Il governo della Repubblica Popolare ha tollerato per parecchi anni questa situazione per motivi essenzialmente pratici. Dopo tutto il piccolo territorio dell’ex Dominion britannico è un’importantissima piazza finanziaria e bancaria, che permette alla Cina di affacciarsi sul mondo saltando le troppe pastoie burocratiche che caratterizzano la sua vita politica ed economica. Basti dire che vi hanno sede oltre 100 consolati stranieri, un numero superiore a quello che può vantare New York. Moltissimi sono gli investitori stranieri e l’economia locale è di tipo liberista, assai diversa da quella cinese che è pianificata.
 
Ovunque si vedono le cabine telefoniche rosse e gli autobus a due piani che fanno pensare di essere a Londra piuttosto che in Asia, e in perfetto stile inglese sono pure le targhe delle automobili. E’ stata mantenuta anche la bandiera nazionale che sventola – ma non sempre – accanto a quella cinese, mentre le transazioni finanziarie vengono condotte usando il dollaro di Hong Kong, quotato come le principali valute del mondo, e non lo yuan.
 
Ho sperimentato ancora una volta questa impressione di “diversità” nel corso di un recente viaggio – il mio secondo a Hong Kong – per partecipare a una fiera organizzata dalla UE (leggasi Germania in primis) e volta a reclutare studenti locali che desiderano iscriversi alle università europee. Il paragone mi viene facile poiché sono stato spesso a Pechino in occasione di fiere simili.
 
Analogo l’afflusso dei giovani che vogliono andare all’estero, ma le differenze risultano notevoli. In Cina gli studenti sono disposti a imparare la lingua del Paese che li ospiterà e chiedono per lo più l’offerta formativa del triennio (B.A.). A Hong Kong domandano subito se ci sono corsi in inglese accorgendosi che, nell’Europa continentale, tali corsi vengono impartiti quasi unicamente nel biennio (Master) e nel dottorato (Ph.D.). Il che rende indubbiamente più difficile il reclutamento: gran parte sceglie Regno Unito, USA, Canada e la non lontana (per loro) Australia.
 
Pure il livello culturale è più alto giacché gli atenei locali sono strutturati sul modello britannico, ed esiste addirittura una “Baptist University”. Non solo. In Cina Google è strettamente controllata dal governo, Facebook proibita. A Hong Kong le connessioni funzionano perfettamente e i social network occidentali sono accessibili senza problemi. Ma la domanda è: fino a quando?
 
Già, perché il governo della Repubblica Popolare sta manifestando segni sempre più evidenti di nervosismo. A Hong Kong ogni anno vengono commemorati gli eventi di Piazza Tienanmen del 1989, e recentemente si è svolta una manifestazione in cui la presenza della Union Jack era dominante. Pechino sta quindi dando vita a una campagna di “rieducazione patriottica”, cercando tra l’altro di inserire il marxismo come materia obbligatoria nelle scuole.
 
Sorprendentemente il governo locale è sinora riuscito a resistere facendo approvare mediante un referendum l’introduzione del suffragio universale nel 2017. Pechino non ha contestato formalmente i risultati, limitandosi a ribadire che la città deve in ogni caso essere nelle mani di forze “patriottiche”.
 





Difficile prevedere cosa accadrà nei prossimi anni. Dal punto di vista cinese un’autonomia così ampia non è tollerabile, anche se risulta utile sul piano economico e finanziario per l’intera nazione. Mi chiedo se in futuro si vedranno ancora nelle strade le innumerevoli colf indonesiane che si riuniscono nei giardini di fronte alla Public Library per pranzare assieme, essendo il permesso di lavoro piuttosto facile da ottenere. E se rimarranno le grandi colonie di europei e americani che possono entrare senza visto e vivere in loco con un permesso di soggiorno che viene rinnovato senza troppi problemi.
 
Indubbiamente Hong Kong non è più la città romantica descritta nel film L’amore è una cosa meravigliosa di Henry King (1955). La sua celebre colonna sonora è soffocata da un’incredibile selva di grattacieli, e anche qui l’inquinamento è a livelli record. Resta tuttavia un esempio di cosmopolitismo e di libertà. Spero che, anche in futuro, sia possibile ammirare la famosa baia dal Victoria Peak senza sottoporsi a ferrei controlli di polizia.



Parole chiave: asia cina hong kong

COMMENTI

Sono presenti 1 commenti per questo articolo

Francesca Siravo (utente non registrato)
...Grazie, è il fascino di un mondo che non vuole morire.Francesca
il 17 Marzo 2013

Nome (*richiesto)

Email (*richiesta, non sarà pubblicata)


Attenzione! E' possibile inserire commenti di massimo 500 parole.


Registrati al sito, è gratuito e istantaneo!

condividi

Feed

   

archivio

accedi


Se non l'hai ancora fatto, registrati!
Hai per caso dimenticato la password?
benvenuto   Puoi accedere o registrarti.

gli ultimi articoli in village

rubriche

ultimi commenti

gli ultimi articoli pubblicati

i più letti

tag cloud

CHI E' UNCOMMONS Uncommons è © 2019 proprietà riservata Tramas Web