uncommons

words



Gabbie piene, teste vuote



di Tom Regan

Mentre la gatta miagola e si dibatte, il cuoco la colpisce più volte con una barra di ferro per poi immergerla brutalmente in una pentola d’acqua bollente per circa dieci secondi. Una volta toltala, ancora viva, dall’acqua bollente, il cuoco la scuoia dalla testa alla coda con un veloce movimento.
 
La gatta tramortita viene poi gettata in una tinozza di pietra dove, mentre la telecamera ce la mostra in primo piano, la vediamo deglutire lentamente, con crescente difficoltà, fino a che gli occhi si fanno vitrei e, reso l’ultimo respiro, annega. L’intero episodio, dalla selezione dell’animale fino al suo ultimo respiro, dura parecchi minuti. Quando il pasto è servito, i clienti mangiano con gusto, ringraziando ed elogiando il cuoco. (…) 
 
Non sono stato mai così sconvolto in vita mia. Ero letteralmente senza parole. Come molti, sapevo già che in Cina, in Corea ed in altri Paesi, si mangiano cani e gatti. Quel video non mi insegnava alcunché di nuovo riguardo ai differenti costumi alimentari. Quel che era nuovo per me, ciò che mi fece sobbalzare sulla sedia, era vedere come ciò avveniva, vederne il processo. Assistere al terribile shock e all’incredibile sofferenza dell’animale era qualcosa di semplicemente devastante. Ho provato un misto di incredulità e rabbia che mi afferrava al petto. Volevo gridare: "Basta! Che cosa stai facendo? Basta!".
 
Ma quel che mi sconvolgeva ancor di più era il comportamento dei clienti. Per loro tutto era così ovvio, così banale, così scontato. Per loro, dire: "Prendiamoci questa gatta per cena" era lo stesso che per noi dire: "Prendo questo dolce col caffè". E il cuoco? Il cuoco non era per nulla interessato alla sofferenza della gatta.
 
Per quel che lo riguardava, il malcapitato animale poteva benissimo essere un pezzo di legno. Non ho mai visto nessuno comportarsi con così grande indifferenza, con così tanta tranquillità e non curanza di fronte alla sofferenza ed alla morte di un animale. Non penso che in molti abbiano potuto guardare questo filmato senza chiedersi, come mi sono chiesto io: "Ma dove sta andando a finire il mondo?".
 
Variazioni sul tema
Nel corso degli anni, da quando ho visto per la prima volta Amare o uccidere, ho cercato di immaginare diverse possibili varianti all’episodio appena descritto. Prima variante: tutto rimane identico a quanto presentato nel filmato originale ad eccezione del fatto che cani e gatti sono tenuti in gabbie più grandi dove non sono pigiati l’uno contro l’altro.
 
A questo punto mi sono domandato: "Se le gabbie fossero state più grandi, mi sarei fatto un’opinione differente su quanto visto? Potrei affermare: ‘Da quando la gatta vive in una gabbia più grande, non ho più obiezioni su quanto le accade’?". No, la mia risposta non cambierebbe. Continuerei ad oppormi al modo in cui è stata trattata.
 
Seconda variante: oltre a vivere in una gabbia più grande, il cuoco maneggia la gatta con gentilezza e pone fine alla sua vita con un’iniezione di pentobarbitale, grazie alla quale sembra morire serenamente. A parte queste modifiche, tutto il resto rimane identico. Di nuovo mi domando: "Questi cambiamenti modificano il mio modo di vedere? Potrei dire: ‘Da quando la gatta vive in una gabbia più grande, è trattata con gentilezza e muore serenamente, non ho più obiezioni su quanto le accade’?". La mia risposta è sempre la stessa. No, mi opporrei comunque.
 
Questo non vuol dire che le modifiche che ho proposto lascino la situazione invariata. Tutt’altro. Gabbie grandi sono meglio di gabbie piccole. Un trattamento dignitoso è meglio di un trattamento violento. Tuttavia, allorquando la soffice gatta bianca viene uccisa e scuoiata per cena, anche se fosse vissuta in una gabbia grande e anche se fosse stata soppressa in modo indolore, vorrei comunque a gridare: "Basta! Cosa stai facendo? Basta!". Non riesco a non pensare che la grande maggioranza di noi umani, inclusi molti cinesi e coreani, sarebbe d’accordo con me.

<<< Pagina precedentePagina
di 5
Pagina successiva >>>
Parole chiave: animali vegetariani vegani diritti

COMMENTI

Sono presenti 1 commenti per questo articolo

Cassandra (utente non registrato)
verissimo
aggiungerei che mangiare carne è dannoso alla salute
l'intestino dei carnivori non supera i 7 metri
eppure il Panda pur essendo carnivoro ha adottato una dieta qusi completamente priva di carni
il nostro invece non è proprio progettato per sopportare un forte consumo di proteine animali!!!!
senza contare che gli animali che mangiate sono cresciuti in condizioni indecenti e rimpilzati di farmaci e mangimi spesso conteneti diossine e altre porcherie tossiche che passano nelle carni!!
quanto poi agli spettacoli o ai giochi che sfruttano gli animali....
se non vi fanno schifo è inutile che vi si spieghi perchè sono disgustosi!!!
indubbiamente esistono piccoli gruppi di fanatici che fanno gesti inconsulti, i fanatici agiscono così per definizione: non importa per cosa combattano ma lo faranno sempre in modo insensato!!!!
mentre per quel che riguarda gli altri, mi sembra assolutamente evidente che chi ama e rispetta gli animali non può che avere un comportamento corretto anche con delle bestie stupide e crudeli come noi umani
il 15 Settembre 2011

condividi

Feed

   

archivio

accedi


Se non l'hai ancora fatto, registrati!
Hai per caso dimenticato la password?
benvenuto   Puoi accedere o registrarti.

gli ultimi articoli in words

rubriche

ultimi commenti

gli ultimi articoli pubblicati

i più letti

tag cloud

CHI E' UNCOMMONS Uncommons è © 2019 proprietà riservata Tramas Web