uncommons

words



Il naso di Longanesi



Di Goffredo Parise

E non per moralismo La rimprovero, ma soltanto perché questi suoi precedenti «veristici» hanno un solo guaio: che sono di moda. O meglio, sono stati di moda fino a pochi anni fa. E lei è un po’ in ritardo; dopo  Fame di Knut Hamsun, dopo tutte le squallide infanzie dei  best-seller americani, Lei, caro Parise, coi suoi amici «figli di puttane» ci fa la figura del provinciale.
 
Perché queste Sue note biografiche Lei le ha dettate a testa alta, col segreto pensiero di far colpo; Lei ha creduto di collocarsi all’avanguardia, mentre è finito nella retroguardia, accanto a De Amicis e a Paolo Valera. Resta poi il fatto, caro giovane amico, che in questi tempi di misticismo il Suo prete seduttore a me piace moltissimo e non intendo affatto condannarlo. Mi creda Suo
 
Leo Longanesi
 
 
Estremamente offeso andai da lui il giorno dopo deciso alla lite; che avvenne, inevitabile. Egli mi disse che non dovevo montarmi la testa per quanto avevo scritto, e soprattutto che non dovevo scivolare da una certa parte solo perché di là tirava il vento.
 
Risposi che andavo dalla parte che mi piaceva, senza guardare i venti. Ma egli seguitò a dire che mi sprecavo, che dovevo scrivere altri libri molto migliori, se non altro per dispetto a lui. Questo atteggiamento mi irritò straordinariamente, scrissi a Prezzolini che avevo litigato con Longanesi e Prezzolini senza stupirsi mi disse che questo era naturale.
 
Volevo avere l’ultima parola sentendomi tradito da chi mi aveva aiutato per primo e fatto da maestro amorevole e non lasciai scappare l’occasione di incontrarmi con lui a denti stretti. Egli lo sapeva.
 
Una sera che passeggiava per via Manzoni con amici tra cui Mario Soldati e Gaetano Afeltra, allungai il passo per raggiungerli ed egli, che mi aveva visto, senza salutare nessuno scappò a gambe levate per via Monte Napoleone. Raggiunsi gli amici, stetti un poco con loro, ma troppo mi premeva seguirlo e subito corsi via anch’io per pedinarlo.
 
Persuaso che me ne fossi andato egli stava annotando su un taccuino, al lume delle lampade della strada, pensieri frettolosi. Non mi vide, il buio, la nebbia dell’ora assai tarda gli impedivano di scorgermi a distanza. La strada era vuota, non un’anima passava più a quell’ora.
 
Saltava da un marciapiedi all’altro con aria di ragazzo attaccabrighe, di tanto in tanto si fermava, apriva il taccuino e scriveva.
 
Andai a trovarlo un mese più tardi in ufficio. Nessuno dei due parlò dell’incidente di via Monte Napoleone. Si discusse per un’ora: seguitò a dirmi che dovevo vergognarmi a buttare via il mio talento come stavo facendo. Tentai di difendermi ma tutto risultò inutile. Egli seguitava a criticarmi, perfino il mio modo di vestire.  Non vede com’è vestito? Non si vergogna? Nemmeno un pezzetto di decoro gli è restato! Una volta aveva quei bei vestiti neri, da persona seria, adesso guarda che cravatte, che scarpe!
 
Non sapevo più cosa dire. Allora, umiliato del tutto, lo interruppi a voce bassa, senza litigare presi a raccontargli una storia che m’era venuto in mente di scrivere: una storia che riguardava delle zie di provincia che compravano una motoretta, col mutare dei costumi. Il giorno seguente comincia a scriverla, anche oggi ne ho scritto un capitolo. E l’ho scritto persuaso che, un momento o l’altro, da qualche parte, non so, glielo porterò in lettura.
Incontro con Longanesi, in  Quando la fantasia ballava il «boogie», Goffredo Parise. (Volume curato da Silvio Perrella per Adelphi)
 

<<< Pagina precedentePagina
di 3
 
Parole chiave: editoria letteratura longanesi parise

COMMENTI

Sono presenti 3 commenti per questo articolo

Marisa Pantera
molto bello questo racconto che mi porta nella mia Milano ...sui navigli dove sono nata, nella prima parte vedo lui e tutte le strade che menziona.  I tuo racconti, e qui mi ripeto, caro Francesco sono sempre interessanti , in un modo o nell'altro con le tue pubblicazioni ci dai lezioni private di cultura........ ti ringrazio e continuerò a leggerti .......... con affetto Marisa
il 18 Agosto 2011

Giulio (utente non registrato)
l'aceto sulle ferite è un racconto che merita di essere letto.
il 26 Luglio 2012

Giorgio Bolla (utente non registrato)
Anche nella descrizione della realtà c'è in Parise una ricerca parallela, destinata a praticare continue metafore esistenziali. E sempre con una scrittura perfetta, meditata, stringente . . .
il 17 Agosto 2015

Nome (*richiesto)

Email (*richiesta, non sarà pubblicata)


Attenzione! E' possibile inserire commenti di massimo 500 parole.


Registrati al sito, è gratuito e istantaneo!

condividi

Feed

   

archivio

accedi


Se non l'hai ancora fatto, registrati!
Hai per caso dimenticato la password?
benvenuto   Puoi accedere o registrarti.

gli ultimi articoli in words

rubriche

ultimi commenti

gli ultimi articoli pubblicati

i più letti

tag cloud

CHI E' UNCOMMONS Uncommons è © 2021 proprietà riservata Tramas Web