uncommons

words



La fotografia



di Yasunari Kawabata

Yasunari Kawabata

Yasunari Kawabata













Racconto in un palmo di mano





 
Dire «un brutto» è da maleducati, ma non c’è dubbio ch’era stato per conseguenza di questa sua bruttezza se era diventato poeta. Mi raccontava il poeta:
«Io le fotografie le detesto, di rado mi vien voglia di farmene fare. Le ultime le ho fatte quattro o cinque anni fa insieme con la mia ragazza per l’anniversario del fidanzamento. Lei per me è una fidanzata importante. Se non altro perché ho poche speranze di poter avere ancora nella vita una donna così. E certo oggi quelle fotografie sono tra i miei ricordi più belli.
 
«Sennonché l’anno scorso una certa rivista mi ha chiesto un ritratto da pubblicare. Da una foto dov’ero con la mia fidanzata e sua sorella mi sono ritagliato via, io solo, e spedito alla rivista. Di recente, anche un quotidiano è venuto a prendere una mia fotografia. Certo che ci ho pensato un po’ su, però alla fine ne ho tagliata a metà una dove stavo con la mia fidanzata e l’ho consegnata al giornalista. Avevo esplicitamente espresso il desiderio che mi venisse restituita senza fallo, invece a quanto pare non mi verrà resa affatto. Ma lasciamo perdere.
 
«Sì, lasciamo pure perdere. Ma rimane il fatto che guardare quella mezza foto, la foto dov’era ormai solo la mia fidanzata, è stata una vera rivelazione per me. Che fosse la stessa ragazza? Mi permetto di farti notare che la fidanzata della foto è davvero dolce, davvero bella. Anche perché a quell’epoca ha diciassette anni. Ed è innamorata. Eppure, guardandola da sola nel ritaglio di foto che m’era rimasto, dopo che n’ero stato rimosso io, mi è venuto da pensare – ci crederesti? – ch’era una ragazza così banale. E dire che fino a un secondo prima, nella stessa fotografia, m’era sembrata tanto bella. E stato un lento e doloroso risveglio da un sogno di lunghi anni. Il tesoro che tenevo tanto caro è finito in frantumi così.
 
«Forse… – e il poeta abbassò ancor più la voce – se ora guarda la mia foto sul giornale pure lei di sicuro penserà: “Sono stata stupida ad amare, seppur per poco, un uomo del genere”. E questo è tutto.
 
«Però mettiamo, congetturo io, mettiamo che la foto di noi due venisse pubblicata dal quotidiano così com’era, uno a fianco all’altra. Magari lei, da chissà dove, sarebbe tornata di volata da me dicendosi: “Ah, non mi ero accorta che fosse così…”»
Yasunari Kawabata, Racconti in un palmo di mano, 1968
 
 
Yasunari Kawabata (Osaka, 11 giugno 1899 – Kamakura, 16 aprile 1972) è uno scrittore giapponese. È uno degli scrittori nipponici più noti nel mondo (ma poco letto) anche per essere stato il primo giapponese a vincere il premio Nobel per la letteratura nel 1968.
Fu uno dei primi a scoprire e apprezzare il genio letterario di Yukio Mishima. Pur avendo stigmatizzato pubblicamente il gesto con cui aveva posto termine alla sua vita - analogo del resto a quello di tanti scrittori giapponesi – morì probabilmente lui stesso suicida nel 1972.





Parole chiave: yasunari kawabata

COMMENTI

Nome (*richiesto)

Email (*richiesta, non sarà pubblicata)


Attenzione! E' possibile inserire commenti di massimo 500 parole.


Registrati al sito, è gratuito e istantaneo!

condividi

Feed

   

archivio

accedi


Se non l'hai ancora fatto, registrati!
Hai per caso dimenticato la password?
benvenuto   Puoi accedere o registrarti.

gli ultimi articoli in words

rubriche

ultimi commenti

gli ultimi articoli pubblicati

i più letti

tag cloud

CHI E' UNCOMMONS Uncommons è © 2018 proprietà riservata Tramas Web