uncommons

words



Mattacchioni di guerra



Cirilli

Cirilli

7 febbraio.  Dal Comando di divisione giorni fa ci è giunto questo messaggio urgente: «Nella vostra zona circola ufficiale SS vestito da prete. Fare attenzione perché sotto l’abito talare nasconde arma automatica». Abbiamo trasmesso la segnalazione ai distaccamenti ordinando che i giovani preti sconosciuti fossero accompagnati al Comanda con gli occhi bendati come di regola.

Oggi è arrivato il primo. Lo hanno portato in calesse. Era pallidissimo e dal moto delle labbra era evidente che si raccomandava l’anima a Dio. Entrato nello stanzone che fungeva da Comando gli abbiamo tolto la benda. Era senza documenti. Lo abbiamo perquisito da capo a piedi. Non doveva essere il nostro uomo ma tuttavia esitavamo a mollarlo. Mi venne allora un’idea. Lo feci sedere e gli chiesi : – Quali sono i Vangeli sinottici? – Mi guardò con estremo stupore e poi rispose correttamente, alzandosi da sedere ogni volta che pronunciava il nome di Cristo.  – Con quali parole incomincia il Vangelo di san Giovanni? Chi era Pelagio? – Gli uomini sorridevano stupiti, guardando ora me ora il prete che incominciò ad abbozzare un sorriso.

Poco dopo eravamo tutti amici e il reverendo si lasciò bendare senza esitazione quando venne l’ora della partenza. Prima che partisse un mattacchione gli si avvicinò e gli disse: – Non ci faccia caso, quello è il nostro cappellano.
Banditi, Pietro Chiodi

[A porre le domande al giovane prete non era un cappellano ma Pietro Chiodi, l’autore del libro dal quale è tratto il brano, studioso di Kant, Heidegger e Sartre. Compare con il nome di “Monti” nel Partigiano Johnny di Beppe Fenoglio, di cui fu professore al liceo di Alba]

Parole chiave: pietro chiodi banditi fenoglio

COMMENTI

Sono presenti 1 commenti per questo articolo

Anna Boncompagni
"L'ufficiale delle SS si alzò di scatto e venendomi incontro minacciosamente urlò: - Sei ben informato di tutto. Conosci tutti i partigiani e i loro delitti e vuoi farci credere che sei innocente. Troveremo il modo di farti parlare. Tutti tacquero. Max riprese: - Conosci il tedesco? - Lo so leggere ma non saprei parlarlo. - Che libri leggi in tedesco? - Sto leggendo Heidegger. Max si rivolse all'agente della Gestapo dicendo: - Dev'essere uno scrittore comunista. Vero? - L'altro guardò l'ufficiale italiano dicendo: - Ja, ja -. Questi annuì col capo."
il 30 Gennaio 2011

condividi

Feed

   

archivio

accedi


Se non l'hai ancora fatto, registrati!
Hai per caso dimenticato la password?
benvenuto   Puoi accedere o registrarti.

gli ultimi articoli in words

rubriche

ultimi commenti

gli ultimi articoli pubblicati

i più letti

tag cloud

CHI E' UNCOMMONS Uncommons è © 2019 proprietà riservata Tramas Web