uncommons

words



Non scenderò più



Photo Eereal

Photo Eereal



Fu il 15 di giugno del 1767 che Cosimo Piovasco di Rondò, mio fratello, sedette per l’ultima volta in mezzo a noi. Ricordo come fosse oggi. Eravamo nella sala da pranzo della nostra villa d’Ombrosa, le finestre inquadravano i folti rami del grande elce del parco.

Era mezzogiorno, e la nostra famiglia per vecchia tradizione sedeva a tavola a quell’ora. Tirava vento dal mare, ricordo, e si muovevano le foglie. Cosimo disse: – Ho detto che non voglio e non voglio! – e respinse il piatto di lumache. Mai s’era vista disubbidienza più grave.

A capotavola era il Barone Arminio piovasco di Rondò, nostro padre, con la parrucca lunga sulle orecchie, fuori tempo come tante cose sue. Tra me e mio fratello sedeva l’Abate Fauchelafleur, elemosiniere della nostra famiglia e aio di noi ragazzi.

Di fronte avevamo la Generalessa Corradina di Rondò, nostra madre, e nostra sorella Battista, vestita da monaca. All’altro capo della tavola, rimpetto a nostro padre, sedeva, vestito alla turca, il Cavalier Avvocato Enea Silvio Carrega, amministratore e idraulico dei nostri poderi.

Da pochi mesi, Cosimo avendo compiuto i dodici anni ed io gli otto, eravamo stati ammessi allo stesso desco dei nostri genitori; ossia, io avevo beneficiato della stessa promozione di mio fratello prima del tempo, perché non vollero lasciarmi di là a mangiare da solo.

Dico beneficiato così per dire: in realtà sia per Cosimo che per me era finita la cuccagna, e rimpiangevamo i desinari nella nostra stanzetta, noi due soli con l’Abate Fauchelafleur. L’Abate era un vecchietto secco e grinzoso, che aveva fama d’uomo rigoroso e severo, e tale doveva esser stato veramente ai tempi suoi; ora era invecchiato, stanco, e pareva che in ogni difficoltà anche minima egli vedesse il segno d’una fatalità cui non valeva opporsi.

I nostri pasti in compagnia dell’Abate cominciavano con movimenti di cucchiai composti, rituali, silenziosi, e guai a chi alzava gli occhi dal piatto o faceva anche il più lieve risucchio sorbendo il brodo, ma alla fine della minestra l’Abate era già annoiato, rassegnato, guardava nel vuoto, schioccava la lingua a ogni sorso di vino, alla pietanza noi già ci potevamo mettere a mangiare con le mani, e finivamo il pasto tirandoci torsoli di pera, mentre l’Abate faceva cadere ogni tanto uno de suoi pigri: – …Ooo bien!  …Ooo alors!

Adesso, invece, stando a tavola con i genitori, l’uso delle posate per il pollo divenne obbligatorio, e sta’ dritto, e via i gomiti dalla tavola, un continuo! E per di più quell’antipatica di nostra sorella Battista. Cominciò una serie di sgridate, di ripicchi, di castighi, d’impuntature, fino al giorno in cui Cosimo rifiutò le lumache e decise di separare la sua sorte dalla nostra.

Il Barone nostro padre non era un uomo cattivo; l’agitazione dei tempi comunicava anche a lui un continuo bisogno d’agitarsi, ma tutto all’incontrario, fuori strada: per esempio, aveva ancora la malinconica idea di vantar pretese al titolo di Duca d’Ombrosa, e non pensava ad altro che a genealogie e successioni e rivalità e alleanze con i potentati vicini e lontani.

Perciò a casa nostra si viveva sempre come se si fosse alle prove generali d’un invito a Corte, non so se quella dell’Imperatrice d’Austria, di Re Luigi, o magari soltanto al palazzo reale di Torino. Veniva servito un tacchino, e nostro padre a guatarci se lo scalcavamo e spolpavamo secondo tutte le regole reali, e l’Abate quasi non ne assaggiava per non farsi cogliere in fallo, lui che doveva tener bordone a nostro padre nei suoi rimbrotti.

 Pagina
di 5
Pagina successiva >>>
Parole chiave: letteratura

COMMENTI

Sono presenti 1 commenti per questo articolo

Sandra (utente non registrato)
L'odore dei boschi liguri, e da lontano la brezza marina...
Il meno artefatto della trilogia calviniana
il 17 Ottobre 2011

condividi

Feed

   

archivio

accedi


Se non l'hai ancora fatto, registrati!
Hai per caso dimenticato la password?
benvenuto   Puoi accedere o registrarti.

gli ultimi articoli in words

rubriche

ultimi commenti

gli ultimi articoli pubblicati

i più letti

tag cloud

CHI E' UNCOMMONS Uncommons è © 2018 proprietà riservata Tramas Web