uncommons

words



Platone del Novecento



di Ray Monk

Scultura di Jaume Plensa

Scultura di Jaume Plensa







All’inizio del trimestre autunnale, Malcom portò Wittgenstein a un incontro di studenti di filosofia della Cornell University. A quanto riporta John Nelson, la presenza di Wittgenstein suscitò una grande impressione.
 
Poco prima che l’incontro avesse inizio, Malcom comparve nel corridoio. Al suo braccio c’era un uomo sottile e anziano in giacca a vento e vecchi  pantaloni militari. Se non fosse stato per il volto, brillante d’intelligenza, lo si sarebbe potuto scambiare per un vagabondo preso dalla strada da Malcom per sottrarlo al brutto tempo.

[…] Mi chinai verso Gass e gli bisbigliai: “Quello è Wittgenstein.” Gass la prese per una spiritosaggine e disse qualcosa del tipo: “Non prendermi per i fondelli.” Poi Malcom e Wittgenstein fecero il loro ingresso. [Gregory] Vlastos fu presentato, fece la sua comunicazione e si tacque.

Black, che presiedeva l’incontro, s’alzò in piedi e si voltò alla sua destra e diventò inequivocabile, con grande sorpresa dei presenti […] che stava proprio rivolgendosi a quel vecchio straccione che Malcom si era portato dietro. Seguirono parole impressionanti; Black disse: “Non osavo credere che sarebbe stato così gentile, professor Wittgenstein…”.

Ebbene, quando Black pronunciò “Wittgenstein”, un soprassalto immediato accompagnato da un profondo mormorio scosse l’assemblea studentesca. Non bisogna dimenticare che “Wittgenstein” era un nome avvolto da un alone di mistero e di timore reverenziale nel mondo filosofico del 1949; particolarmente a Cornell. Il soprassalto fu pertanto quello che avrebbe potuto verificarsi se Black avesse detto: “Non osavo credere che sarebbe stato così gentile, Platone…”.

 
Da Ludwig Wittgenstein: the duty of genius, Ray Monk



Parole chiave: platone wittegenstein

COMMENTI

condividi

Feed

   

archivio

accedi


Se non l'hai ancora fatto, registrati!
Hai per caso dimenticato la password?
benvenuto   Puoi accedere o registrarti.

gli ultimi articoli in words

rubriche

ultimi commenti

gli ultimi articoli pubblicati

i più letti

tag cloud

CHI E' UNCOMMONS Uncommons è © 2019 proprietà riservata Tramas Web