uncommons

words



Viaggio al termine della notte



di Francesco Panaro

Louis-Ferdinand Céline, 1933.

Louis-Ferdinand Céline, 1933.



«Un giornale coi fiocchi, il Temps!», attacca Arturo Ganate. «Non ce n’è un altro come lui per difendere la razza francese!». «Ne ha davvero bisogno la razza francese, visto che non esiste!», gli rispondo di rimando per dimostrargli ch’ero anch’io documentato in proposito.
– Ma sì! Ce n’è una! Ed è una bella razza! – insiste lui, – e anche la più bella del mondo, e becco chi non lo crede. – Ed eccolo in vena d’insolentirmi. Io tengo duro, beninteso.
– Non è vero! La razza, quello che tu chiami così, è soltanto un’accozzaglia di poveracci del mio stampo, sfessati, pidocchiosi, scoglionati che sono finiti qui perseguitati dalla fame, la peste, i tumori e il freddo, venuti, vinti, dai quattro angoli della terra. Non potevano andar più oltre, ché c’era il mare. Questa è la Francia e questi sono i francesi.
Louis-Ferdinand Céline, Viaggio al termine della notte. Traduzione di Alex Alexis




Parole chiave: louis-ferdinand céline

COMMENTI

Nome (*richiesto)

Email (*richiesta, non sarà pubblicata)


Attenzione! E' possibile inserire commenti di massimo 500 parole.


Registrati al sito, è gratuito e istantaneo!

condividi

Feed

   

archivio

accedi


Se non l'hai ancora fatto, registrati!
Hai per caso dimenticato la password?
benvenuto   Puoi accedere o registrarti.

gli ultimi articoli in words

rubriche

ultimi commenti

gli ultimi articoli pubblicati

i più letti

tag cloud

CHI E' UNCOMMONS Uncommons è © 2019 proprietà riservata Tramas Web